Farmaci per la tosse: davvero utili?

Lascia un commento

7 dicembre 2015 di sergiocattani

Pubblichiamo il primo di 2 articoli estratti dal foglio informativo indipendente “INFO Intesa”, edito da Unifarm (“Il miele: un rimedio efficace per la tosse acuta” – novembre 2015), realizzato in collaborazione con la dottoressa Moira Stefini.

La tosse è il sintomo più comune di un’infezione al tratto respiratorio superiore (URI – upper respiratory tract infection), utile per la rimozione meccanica del catarro. Nella maggior parte dei casi la tosse è legata a patologie di origine virale, che si risolvono da sole nell’arco di pochi giorni. Non viene presa in considerazione in questo articolo la tosse cronica legata a patologie importanti (polmonite, pertosse, TBC, neoplasie…). Spesso le persone disturbate dalla tosse ricorrono a vari tipi di rimedi, farmacologici o meno, con l’obiettivo di trovare sollievo, diminuire la severità del sintomo e accelerare la guarigione. La tosse assume particolare rilievo in pediatria, soprattutto nelle ore notturne, in quanto si traduce in perdite di sonno per bambini e genitori, con il rischio (documentato) di abuso di farmaci di vario tipo. tosseDa tempo si sono raccolti dati sugli effetti avversi, anche gravi, legati all’uso dei farmaci antitussivi nei bambini, pertanto tutte le agenzie regolatorie hanno adottato misure precauzionali tese a controindicare l’utilizzo dei farmaci antitussivi nei piccoli pazienti. In Italia l’AIFA ha controindicato l’uso di mucolitici (Fluibron®, Mucosolvan®, Sobrepin®…) e sedativi della tosse (Aricodil tosse®, Levotuss®, Lisomucil tosse®…) sotto i 2 anni di età. Sul fronte dell’efficacia, già nel 1997 l’Accademia Americana di Pediatria (AAP – American Academy of Pediatrics) aveva sottolineato che i sedativi della tosse, incluso il destrometorfano, sono privi di efficacia dimostrata. Recentemente, anche la Cochrane Collaboration ha ribadito la mancanza di prove a favore o contro l’utilizzo di farmaci da banco nel trattamento della tosse acuta. Questo significa che, soprattutto nel bambino, I farmaci OTC disponibili raramente possono rappresentare un aiuto, quando invece non ci sono dubbi sui loro effetti collaterali. Un’alternativa importante, che va a colmare un vuoto terapeutico, è rappresentata dai rimedi fitoterapici oppure dal miele. Nel prossimo articolo approfondiremo questo aspetto.

Bibliografia:

http://www.intesa.unifarm.it/it/banca_dati_intesa

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: